Home » News » PARVA SED APTA: una raccolta didattica ragionata ed organizzata di citazioni latine realizzata dagli allievi dei moduli PON “PUELLA PULCHRA EST”

PARVA SED APTA: una raccolta didattica ragionata ed organizzata di citazioni latine realizzata dagli allievi dei moduli PON “PUELLA PULCHRA EST”

 

Perché una raccolta di citazioni/massime in latino?

Ci occorre veramente?

Non ci sono anche su internet?

Cosa significano?

Come le utilizziamo?

La citazione latina, magicamente, riesce a ritagliarsi un angolino nella nostra memoria ove resta quiescente e da lì uscirà fuori soltanto al momento opportuno, anche a distanza di anni… molti anni!

Tutti le utilizziamo, ad ogni livello; impararne alcune non è mai tempo sprecato e le citazioni latine permetteranno, ad esempio, di iniziare un elaborato in modo più personale e professionale, di esprimere un punto di vista, di tirare delle conclusioni.

Le utilizzerete nelle interrogazioni ed anche nel discorso informale. 

La citazione latina è anche emblema di cultura e non ci farà mai scadere nella banalità.

Le citazioni latine riguardano molti aspetti della nostra vita e spesso sono fonte di ispirazione e motivazione.

La citazione va inserita in un testo riportando l’autore (se presente) e va scritta fra virgolette (in un testo realizzato al pc può essere in corsivo) e va tradotta a meno che non sia di dominio pubblico come ad esempio Ad maiora!

Ad esempio: Il titolo di questa sezione: “Parva sed apta (mihi)” è l’inizio del distico latino che L. Ariosto fece scrivere sopra l’ingresso della casa fattasi costruire a Ferrara. Intendeva dire che era una “Casa piccola, ma adatta” a lui, affatto indecorosa ed acquistata con il proprio denaro. Una piccola raccolta, quindi, ma utile!

EDUCAZIONE CIVICA

Animum debes mutare, non caelum

 

È l’animo che devi cambiare, non il cielo sotto cui vivi (Lucio Anneo Seneca)
Dura lex sed lex È una legge dura, ma è la legge
Etiam capillus unus habet umbram suam

 

Anche un solo capello ha la sua ombra [Ogni cosa lascia una traccia] (Publilio Siro)

PIGRIZIA

Homines, nihil agendo, agere consuescunt male Gli uomini, non facendo nulla, si abituano a fare malamente (Publilio Siro)
Non enim vir piger implet domum La pigrizia è la chiave della povertà

TEMPO

Fugit inreparabile tempus Fugge irreparabilmente il tempo (Virgilio)
Tempora tempore tempera Tempera il tempo col tempo
Tempus omia medetur Il tempo rimedia a tutto

AMICIZIA

Amicum cum vides obliviscere miserias

 

Quando vedi un amico, dimenticati delle sventure.

(Appio Claudio Cieco)

Unus pro omnibus, omnes pro uno Tutti per uno, uno per tutti

APPRENDERE

Barba non facit philosophum La barba non fa il filosofo (Plutarco)
Bonus vir semper tiro un uomo buono sta sempre imparando
Dubitando ad veritatem pervenimus Tramite il dubitare arriviamo alla verità (Cicerone)
Repetita iuvant Giova ripetere le cose

GUSTI PERSONALI

De gustibus non est disputandum Sui gusti non si discute

LAVORO – IMPEGNO

Per aspera ad astra

 

Attraverso le difficoltà (si arriva) alle stelle. Eracle, eroe mitologico guadagna il cielo attraverso un cammino difficoltoso. Il senso   della locuzione è che, spesso, la strada che conduce al successo è piena di difficoltà e ostacoli.
Faber est suae quisque fortunae Ciascuno è artefice del proprio destino

(Gaio Sallustio Crispo)

Facta non verba Fatti, non parole!
Gutta cavat lapidem La goccia scava la pietra
Lepores duo qui insequitur, is neutrum capit Chi insegue due lepri, questi non ne prende nessuna
Non est ad astra mollis e terris via Non esiste strada facile dalla terra alle stelle

STORIA

Historia magistra vitae  La Storia [è] maestra di vita (De Oratore di Cicerone)
Veritas filia temporis La verità è figlia del tempo (Aulo Gellio)

MODI DI DIRE CONOSCIUTISSIMI

Ad Kalendas Græcas Alle calende greche, ovvero mai  
Ad maiora! A successi più grandi!  
Alea iacta est Il dado è tratto (Caio Giulio Cesare)  
Alter ego Un altro me stesso  
Audaces Fortuna iuvat La fortuna aiuta gli audaci  
Brevi manu Da mano a mano  
Caligat in sole Non ci vede in pieno sole (stoltezza). (Quintiliano)  
Caput imperare, non pedes A comandare è la testa, non i piedi  
Carpe diem Cogli l’attimo (Orazio)  
Cogito ergo sum Penso, dunque sono (Cartesio)  
Contra spem Contro (ogni) speranza  
Cui bonum? A che serve?  
Cui prodest? A chi giova?  
De auditu Per sentito dire  
De iure Di diritto, per legge  
Do ut des Do perché tu dia  
Dulcis in fundo Il dolce giunge alla fine del pasto  
Extrema ratio Ultimo argomento  
Facta, non verba Fatti, non parole  
Fiat lux Sia la luce  
Fortuna caeca est La fortuna è cieca (Cicerone, De amicitia, 15, 54)  
Fortuna caeca est La fortuna è cieca (Cicerone, De amicitia, 15, 54)  
Honoris causa A titolo d’onore  
In extremis All’ultimo momento  
In fieri In divenire  
Inter nos Tra di noi  
Lapsus calami Errore di penna  
Lapsus linguæ Un errore della lingua  
Lectio brevis Lezione breve  
Licet E’ lecito, è permesso  
Lupus in fabula Il lupo nel racconto (si dice di persona oggetto di discorso che sopraggiunge improvvisamente)  
Multae insidiae sunt bonis

 

Sono molte le insidie per i buoni (Accio, Tieste, 214)  
Nemo propheta in patria Nessuno è profeta in  patria (Vangelo)  
Non plus ultra Il massimo  
Obtorto collo A collo torto [controvoglia]  
Omnia munda mundis Tutto è puro per i puri (Epistola di San Paolo a Tito)  
Ora et labora Prega e lavora (la Regola di S. Benedetto)  
Prima digestio fit in ore La prima digestione avviene nella bocca  
Qui pro quo Falsa interpretazione  
Qui tacet,consentire videtur Chi tace acconsente  
Sine causa Senza motivo  
Spes ultima dea La speranza è l’ultima dea (la speranza è l’ultima a morire)  
Summa con laude Con la più alta lode  
Super partes Al di sopra delle parti  
Super partes Al di sopra delle parti  
Una hirundo non facit ver Una rondine non fa primavera  
Verba volant, scripta manent Le parole volano, gli scritti restano  
Vox populi, vox Dei Voce di popolo, voce di Dio  
Vox populi, vox Dei Voce di popolo, voce di Dio  
Vulpem pilum mutare, non mores La volpe cambia il pelo, non i costumi  

COMPORTAMENTI VIRTUOSI ED EDUCAZIONE – FORZA DI VOLONTA’

A fonte puro pura defluit aqua

 

Da una fonte pura sgorga acqua pura

 

Absenti nemo ne nocuisse velit Non lasciare che si parli male di chi è assente
Accipere quam facere praestat iniuriam. È meglio subire un’ingiustizia, piuttosto che compierla (Marco Tullio Cicerone)

 

Aquila non capit muscas L’aquila non prende certo le mosche
Errare humanum est, perseverare autem diabolicum

 

Sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico

 

Excusatio non petita, accusatio manifesta Una scusa non richiesta equivale ad una accusa manifesta
Faber est suae quisque fortunae Ciascuno è artefice della propria fortuna
Finis coronat opus Il risultato è il coronamento dell’opera
Fortes fortuna adiuvat La fortuna aiuta i forti (Publio Terenzio Afro)
In animi securitate vitam beatam ponimus

 

Una vita felice consiste in una mente tranquilla

(Cicerone)

In medio stat virtus  

 

La virtù sta nel mezzo.

Derivata da alcune frasi dell’Etica Nicomachea di Aristotele, afferma la necessità o la convenienza della moderazione, dell’equilibrio, o come invito a evitare gli eccessi.

Non est ad astra mollis e terris via Non esiste strada facile dalla terra alle stelle
Tu ne cede malis, sed contra audentior ito

 

Non lasciarti opprimere dalle calamità, ma va loro incontro coraggiosamente (Virgilio)
     

GUERRA E PACE

Omnia prius experiri quam armis sapientem decet Sta ai saggi provare tutto prima di prendere le armi
Si vis pacem, para bellum Se vuoi la pace, prepara la guerra
Si vis pacem, para iustitiam Se vuoi la pace, prepara la giustizia

SALUTE

Mens sana in corpore sano Mente sana in un corpo sano (Giovenale)

                                    

 

RSS News USP_Frosinone