Home » NOTIZIE » Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate – ricordando i caduti di tutte le guerre.

Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate – ricordando i caduti di tutte le guerre.


“Tutto è possibile con la PACE, tutto è perduto con la GUERRA!”

Di queste case
non è rimasto
che qualche
brandello di muro

Di tanti
che mi corrispondevano
non è rimasto
neppure tanto

Ma nel cuore
nessuna croce manca

È il mio cuore
il paese più straziato.

(G. Ungaretti)

4 novembre 1918 entra in vigore l’armistizio di Villa Giusti che pone fine al primo conflitto mondiale, proprio quel conflitto che vide per la prima volta essere utilizzate armi terribili che fecero strage di giovani soldati tolti alle loro famiglie, ma anche di civili indifesi. Proprio per non dimenticare mai l’orrore della guerra e meditare sull’importanza della pace, un bene sempre più prezioso e raro in un mondo, il nostro, in cui si combatte praticamente ovunque e nel quale c’è tanta sofferenza, a partire dal 1919, ogni 4 novembre si ricordano i caduti della grande guerra e di tutte le guerre con la cerimonia sulla Tomba del Milite Ignoto e le importantissime commemorazioni in tutta Italia.

Si celebra anche la giornata delle Forze Armate, i nostri eroi della Pace.
A tale proposito, l’ARTICOLO 11 della nostra Costituzione recita:
“L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.”

E’ questo un impegno che è divenuto e che diviene realtà anche a seguito del sacrificio di tanti nostri giovani eroi, proprio quegli eroi che ci hanno permesso di vivere in una società nella quale rispetto, tolleranza, uguaglianza, libertà, non sono soltanto vuote parole, sono il nostro futuro, quello che noi giovani ci impegniamo a costruire perché come dice Papa Francesco: “La pace si afferma con la pace”.

Alla presenza delle Autorità locali, nella chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista, causa condizioni meteorologiche inclementi, il Parroco. Don Jorge Vargas ha letto, fra la commozione generale, i nomi di tutti i caduti di San Giovanni Incarico, militari e civili, delle due guerre mondiali, circa 200 ai quali sono stati tributati gli onori militari e, tutti hanno cantato il nostro Inno nazionale eseguito dalla Banda “Vincenzo Bellini” diretta dal M° Gianfranco Ricci.. 

Sono seguiti gli interventi del Sindaco Ing. Paolo Fallone e del Baby Sindaco Andrea D. che hanno posto l’accento sulla necessità di non dimenticare gli eroi che hanno dato la vita per noi  e per costruire pace duratura fra i popoli. 

Gli allievi  dei tre ordini di scuola, adorni di coccarde tricolori hanno letto poesie sulla guerra e la distruzione che essa comporta contrapponendo odio e morte a fratellanza e Pace.

Di seguito le immagini della commemorazione dei Caduti di tutte le guerre tenutasi a San Giovanni Incarico.  


Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

RSS News USP_Frosinone